Nutrizione

ALIMENTAZIONE ESTIVA: 8 errori comuni

Giugno è iniziato ed il desiderio di caldo, mare e relax travolge la nostra quotidianità: nonostante ciò, poiché il sole si lascia attendere, c’è ancora tempo per qualche utile consiglio che non dia spazio agli errori fatti più comunemente con l’alimentazione durante questa stagione.
In estate i ritmi cambiano, insieme agli alimenti presenti sulle tavole: inoltre, tra aperitivi, serate al bar ed in discoteca si perde il controllo.
È dunque importante gestire la propria quotidianità con la consapevolezza di cosa e quanto si stia mangiando, per non far scomparire i risultati della desiderata prova costume.

La frutta spesso è troppa e viene utilizzata per sostituire i pasti principali.
Pur apportando fibre, zuccheri semplici, sali minerali e vitamine, non contiene grassi buoni e proteine: dunque, quando sostituisce il pasto principale, questo non risulterà completo nei macronutrienti.
Inoltre, l’eccessivo consumo di frutta può provocare gonfiore, minore sazietà ed anche aumento dell’adipe (il fruttosio sfugge al controllo insulinico).

Gelati e granite (proprio come la frutta) non devono sostituire un pasto e non devono essere oggetto di un consumo quotidiano. Se vi è il desiderio, è importante concedersi un giorno della settimana di libertà in cui gustarli: è tuttavia preferibile scegliere un prodotto artigianale e, soprattutto per il gelato, prediligere gusti leggeri (frutta, yogurt) ed in coppetta.
Inoltre, le dimensioni di coppette o coni devono essere piccole (i gelatai mi odieranno). 

L’acqua è l’errore più grave. Spesso ci si dimentica di bere e ciò causa una confusione tra il senso di fame e di sete. È importante acquistare una borraccia, possibilmente termica e di acciaio e metterla in posti strategici (in borsa, sulla scrivania al lavoro, in macchina ecc.), in modo da ricordarsene.
Inoltre, potrebbe essere di grande aiuto rendere l’acqua più appetibile utilizzando, ad esempio, una fogliolina di menta, un cetriolo selezionato verticalmente o dello zenzero.

La colazione che diventa brunch e fa saltare il pranzo è un altro grande errore comune.
Bisogna mantenere l’abitudine di mangiare poco e frequentemente, senza fare il digiuno al sole ed arrivare alla sera super affamati: in caso di colazioni al bar, è importante consumare dello yogurt, frutta fresca o spremuta d’arancia.

Gli aperitivi al tramonto non devono mai mancare in estate, ma non devono essere necessariamente a base di alcol, noccioline, patatine e pizzette. Sarebbe opportuno ordinare bevande gassate che apportano 0 kcal o concedersi, 1-2 volte alla settimana, 1 calice di vino rosso od una birra senza consumare gli snack, data la prossimità dell’orario di cena.

A pranzo al mare mangiare ogni giorno un panino o una pizza non è adeguato.
Una soluzione ottimale sarebbe preparare un piatto di pasta o delle patate lesse o riso integrale/venere/nero freddo, con della verdura e fonti proteiche.
Oppure, al bar ed ai lidi, bisognerebbe prediligere pietanze come un’insalata caprese, prosciutto e melone, insalate miste (senza crostini fritti o pollo fritto), polipo all’insalata ecc., da condire da soli in un secondo momento con un filo di olio EVO, aceto, limone e senza sale.

Inoltre, ai pasti principali, durante l’estate il piacere di cucinare tende a scemare, ma è importante fare attenzione a non esagerare con formaggi, latticini, affettati e salumi, nonché ricordarsi di consumare i legumi e di basarsi su una dieta di tipo mediterraneo.

Non va mai abbandonata l’attività fisica, anche se fa caldo e si suda troppo: fare camminate, corse in riva al mare, andare in palestra e fare esercizio fisico deve essere pane quotidiano, soprattutto con le belle giornate ed il tempo libero (per chi lo avrà) che consentono di trascorrere più tempo nel dedicarsi a se stessi.

Tuttavia, senza una guida fare tutto ciò potrebbe risultare difficoltoso: dunque, per il piano alimentare personalizzato di mantenimento estivo, o per perdere peso anche in estate, contattami in privato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *