Nutrizione

Rallentare l’invecchiamento con la dieta

L’invecchiamento è un processo caratterizzato da una progressiva riduzione delle normali funzioni della cute e in particolare della sua capacità riparativa.
Alla base dell’invecchiamento ci sono una serie di modificazioni genetiche, processi infiammatori e stress ossidativo dovuto all’aumento dei radicali liberi: questi fenomeni possono essere velocizzati se ci si sottopone ad abitudini sbagliate (ad esempio il fumo di sigaretta).
Con l’età diminuisce la difesa contro queste fisiologiche modificazioni, dunque un’adeguata dieta ed un adeguato utilizzo di integratori possono rallentare drasticamente questo meccanismo, migliorando la salute della cute.
La cute richiede acqua la quale, legandosi alle ceramidi (lipidi), favorisce il riempimento naturale dello strato cutaneo ed è in grado di legarsi all’acido ialuronico che si trova nelle creme anti-age comunemente utilizzate: conferisce alla cute morbidezza, flessibilità ed elasticità, tutte necessarie affinché essa si adatti ai movimenti dei muscoli e delle articolazioni.
Una dieta ricca di omega 3 (EPA e DHA) riduce e previene i fenomeni infiammatori e quindi l’invecchiamento: un ottimo alleato sono sicuramente il pesce, i semi di lino, la frutta secca, i semi di Chia e tanti altri.
Alcuni alimenti contengono la canosina, un potente antiossidante che sembra avere la capacità di ritardare l’invecchiamento, dare stabilità ed impartire forza alle cellule cutanee: lo si trova in carne (manzo, pollo, maiale) e pesce (spada, salmone), ma è sempre meglio ricercarla in integratori.
L’acido folico (vitamina B9), oltre alle tante funzioni che esplica in gravidanza e nella quotidianità, è molto importante perché sembra promuovere il ringiovanimento: si trova nei cereali della prima colazione, legumi, verdure a foglia verde scuro, broccoli e nella frutta (avocado, banana e arancia).
Oltre a ciò, per rallentare l’invecchiamento cutaneo è importante che la dieta abbia fonti vitamina C (per la sintesi di collagene) ed il coenzima Q10 (per il trofismo cellulare), utilizzati spesso nei prodotti cosmetici anti-age.
La vitamina C si trova in frutta fresca (soprattutto quella un po’ acidula) e in molti ortaggi, mentre le principali fonti di coenzima Q10 sono pesci grassi (salmone, tonno), carni di organi (fegato), cereali integrali, pesce (sardine e sgombri), soia e spinaci, germe di grano, frutta secca ed oli vegetali.
Le antocianine (i pigmenti che conferiscono il colore rosso o blu a frutta e verdura) possono avere effetti antiossidanti riducendo i danni alle cellule ed ai tessuti, fornendo protezione contro la fragilità capillare e favorendo la corretta irrorazione tessutale contro i processi infiammatori.
I fitoestrogeni (presenti soprattutto nei semi di soia) hanno la capacità di ridurre l’invecchiamento cutaneo e la morte delle cellule cutanee all’esposizione al sole, migliorare l’elasticità della cute, ridurre la profondità delle rughe e stimolare la produzione di collagene. Anche il resveratrolo (un polifenolo presente soprattutto nel vino rosso) ha proprietà anti-infiammatorie ed anti-ossidanti in grado di contrastare l’invecchiamento. Quindi, un bel bicchiere di vino rosso al giorno più sicuramente aiutare, anche se i quantitativi sono bassi e sarebbe sempre meglio ricorrere ad integratori.
Un’avanguardia che spopolerà nei prossimi anni di cui sicuramente si dovrà avere considerazione sono i nutricosmeceutici (pillole, sciroppi, barrette, alimenti e bevande fresche), ovvero degli ingredienti cosmetici somministrati per via orale in grado di fornire benefici nutrizionali e/o salutistici grazie alla funzione combinata tra nutrizione e cosmetica.

Quanto evidenziato lascia evincere che un’alimentazione sana ed equilibrata non ha il solo scopo più conosciuto del perdere peso: gli obiettivi possono essere molteplici, e tra questi sicuramente può essere incluso proprio il rallentare l’invecchiamento con l’alimentazione. Pertanto, fate tesoro di questi utili consigli per la vostra quotidianità, e contattatemi in qualsiasi momento per l’elaborazione del proprio piano alimentare personalizzato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *