Ricette

Linguine integrali con dentice, porcini e pomodori secchi

La ricetta di questa Domenica è stata realizzata in collaborazione con il Cuoco minorese Alfonso Liguori, che attualmente lavora a Monza presso il ristorante “Alle Arcate”.

INGREDIENTI:

• 80 g di linguine integrali
• 120 g di dentice
• 50 g di Funghi
• Basilico q.b
• 6 g (3) pomodori secchi
• 10 g di olio extra vergine d’oliva (EVO)

PREPARAZIONE:

• Lavare bene i pomodori secchi ed i funghi porcini dopodiché tagliarli a lamelle;
• mettere l’acqua in una pentola alta e farla bollire;
• mettere un cucchiaino (5g) di olio EVO in una padella, allungarlo con acqua, aggiungere uno spicchio d’aglio e tenerlo a fuoco lento (60-65°);
• farlo soffriggere leggermente (senza che avvenga l’imbrunimento);
• aggiungere i pomodori secchi, i funghi, il dentice crudo tagliato a cubetti ed il basilico;
• aggiungere in padella un mestolino dell’acqua di cottura;
• nel frattempo, cuocere la pasta nell’acqua messa precedentemente a bollire;
• una volta cotta la pasta, scolarla, metterla in padella e mantecare il tutto a fuoco lento;
• spegnere il fuoco ed aggiungere i restanti 5 g di olio EVO e mantecare;
• impiattare il tutto come mostrato in foto od a proprio piacimento.

BENEFICI:

Così facendo otteniamo pasto completo da sole 500 kcal della ricetta.

Quello che risalta agli occhi di molti di voi è sicuramente il soffritto.
Questa variante di soffritto light” permette di utilizzare poco olio (poiché allungato con dell’acqua) e mantenere basse temperature: così facendo, non avviene la produzione di sostanze dannose e cancerogene (tipiche di rosolatura/soffritto/frittura) e l’apporto calorico è sensibilmente ridotto.

La pasta integrale rappresenta una ottima fonte di carboidrati complessi, ovvero i macronutrienti assimilati dal nostro organismo dopo un processo di digestione e trasformazione in carboidrati più semplici (il glucosio), necessario per dare nutrimento a tutte le nostre cellule. Sono ovviamente da preferire ai carboidrati semplici (come quelli del riso bianco, della patata) poiché hanno la capacità di determinare un innalzamento moderato della glicemia, quindi possono essere assunti anche da soggetti diabetici.
Inoltre, la pasta integrale apporta una buona quantità di fibra, la quale ha effetti sulla riduzione della stipsi, favorisce la sazietà, rappresenta un nutrimento per la nostra flora intestinale ed è utile nella prevenzione delle malattie cardiovascolari.

Il dentice è un pesce che riveste una fondamentale importanza per la presenza elevata di proteine, amminoacidi ad alto valore biologico, vitamine (in particolar modo del gruppo B e A) e minerali (ferro, calcio e fosforo).

I funghi porcini sono un alimento ricchissimo di acqua, povero di carboidrati e di grassi, con un quantitativo medio di proteine, ricchi in fibre e sono in grado di apportare pochissime calorie (sole 26 kcal per 100 g). Contengono sali minerali (sodio, potassio, ferro, calcio e fosforo), vitamine (C e B), ergosterolo (precursore della vitamina D) e sostanze antiossidanti.
Sono consigliati nelle diete ipocaloriche e per sconfiggere la ritenzione idrica.

I pomodori secchi spesso sono venduti sotto sale oppure sott’olio.
Sono in grado di insaporire al meglio i nostri piatti, ma prima di utilizzarli è estremamente importante lavarli accuratamente così da allontanare il sale/olio in eccesso.
Se si rispetta questa regola, apporteranno poche calorie e poco sale, ma saranno in grado di insaporire il piatto nel migliore dei modi, insieme alla fogliolina di basilico della ricetta.

L’olio EVO è l’alimento italiano per eccellenza, di cui andare fieri. Contiene circa il 98-99% di grassi, principalmente insaturi ed, insieme alle mandorle, grazie all’acido oleico contribuisce al mantenimento dei normali livelli di colesterolo nel sangue. Inoltre contiene fitosteroli e vitamine (soprattutto A ed E, quest’ultima ottima per le proprietà antiossidanti), ed è un potentissimo alleato per la prevenzione e trattamento di patologie coronariche, ipertensione, diabete di tipo 2 nonché disordini immunitari ed infiammatori.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *